Il futuro dell'estrazione delle informazioni - Partecipa al progetto TUC 2024! ✨ 15-16 febbraio, di persona e online. Ottieni il tuo biglietto >>

Oro, vangeli e cavalieri che combattono contro le lumache: Un'introduzione ai manoscritti miniati

Creare libri nel Medioevo era una sfida. Prima dell'introduzione della stampa, tutti i libri venivano faticosamente copiati a mano e quelli come la Bibbia potevano richiedere diversi anni per essere completati.

Un tipo di manoscritto particolarmente famoso del periodo medievale è il manoscritto miniato. Le parole di questi manoscritti venivano abbellite con bordi ornati, illustrazioni dettagliate e lavori in foglia d'oro, trasformandoli in splendidi pezzi d'arte medievale. Inoltre, molti di essi sono sopravvissuti fino ai giorni nostri, diventando così una ricca fonte di informazioni per i medievisti e gli storici.

In questo post, daremo un'occhiata a cosa sia esattamente un manoscritto miniato, parleremo un po' della loro digitalizzazione e scopriremo perché così tanti manoscritti miniati raffigurano cavalieri che combattono contro lumache.

Che cos'è un manoscritto miniato?

I manoscritti miniati erano un tipo di manoscritto prodotto principalmente in Europa occidentale dal VI secolo fino all'invenzione della stampa nel XV secolo. Come tutti i manoscritti, venivano scritti a mano su una pagina di pergamena, di solito un pezzo di pelle animale noto come "vellum". Molti manoscritti miniati venivano poi rilegati in un primo tipo di libro chiamato "codex" ("codices" al plurale). Un codice consisteva in numerosi fogli di pergamena inseriti tra due pezzi di legno, proprio come un libro moderno ha le pagine rilegate tra le copertine. Fortunatamente per gli storici medievali di oggi, il legno preservava le pagine interne, mantenendole in ottime condizioni e rendendo possibile la lettura dei manoscritti ancora oggi.

Ma ciò che distingue i manoscritti miniati dagli altri documenti medievali sono le illustrazioni ornamentali, o "illuminazioni", che adornano ogni pagina. Le illuminazioni variavano da bordi decorativi intorno alla pagina a un'illustrazione a pagina intera che raffigurava un evento descritto nel testo. Anche la prima lettera di una pagina manoscritta - la "capitale miniata" - veniva spesso ingrandita e decorata in modo colorato. Spesso questa decorazione veniva poi arricchita con foglie d'oro o d'argento, soprattutto se il manoscritto era di particolare importanza. Si diceva che questi materiali lucenti "illuminassero" il testo, dando il nome ai manoscritti.

Il Salterio degli uccelli, Londra (1284) © Museo Fitzwilliam, Cambridge

Come venivano realizzati i manoscritti miniati?

I primi manoscritti miniati furono creati nei monasteri del Nord Europa, soprattutto nelle isole britanniche e in Irlanda. La maggior parte dei monasteri dell'epoca non aveva solo una biblioteca, ma anche uno "scriptorium", dove venivano creati manoscritti e libri.

Alcuni monaci lavoravano come scribi. Erano responsabili della preparazione e del taglio della pergamena e dell'aggiunta del testo alla pagina con un determinato colore di inchiostro. Se erano necessari altri colori, la pagina passava a un altro scriba che lavorava con quel colore. Gli altri scribi presenti nella stanza avevano il compito di correggere il testo e controllare che tutto fosse stato copiato correttamente. Una volta che gli scribi avevano terminato il testo, la pagina veniva consegnata a un altro monaco, detto "miniatore", che lavorava essenzialmente come artista. Egli aggiungeva alla pagina le illustrazioni e le decorazioni a foglia d'oro necessarie.

Nel tardo Medioevo i monaci non erano più gli unici a creare manoscritti miniati. Con l'ascesa delle università e della classe media, i libri cominciarono a diventare più popolari e la produzione libraria divenne sempre più redditizia. Pertanto, i librai delle città iniziarono ad assumere i propri scribi e miniatori per creare libri al di fuori del contesto monastico.

Anche la notazione musicale è stata illuminata. © Yair Haklai / Wikimedia Commons / CC BY-SA 4.0

Che tipo di manoscritti miniati esistono?

Come ci si potrebbe aspettare da un monastero, la maggior parte dei manoscritti miniati è di natura religiosa. Si tratta di Bibbie, copie di alcuni vangeli o testi religiosi e, più comunemente, di libri d'ore. Un libro d'ore era una raccolta di preghiere, testi e salmi, organizzati nelle diverse ore canoniche del giorno. Divennero enormemente popolari durante il tardo Medioevo, quando le famiglie ricche commissionavano raccolte individuali per le loro famiglie. A causa del gran numero di libri d'ore creati in quel periodo, molti libri d'ore sono sopravvissuti fino ai giorni nostri.

Ma sono stati creati anche manoscritti miniati su argomenti profani. I temi visivi, ad esempio le erbe o l'astrologia, erano il materiale ideale per i libri miniati, e molti di questi manoscritti furono prodotti. Vennero creati anche testi miniati sulla vita dei santi o di famosi avventurieri, soprattutto verso la fine del Medioevo.

Il libro delle ore del Maestro/i di Zweder van Culemborg (pubblico dominio)

Perché i margini sono così importanti nei manoscritti miniati?

Se cercate online informazioni sui manoscritti miniati, scoprirete che molti parlano dei "marginalia". Per gli storici, spesso sono i dettagli inclusi in questi margini a essere particolarmente interessanti.

La creazione di manoscritti era un lavoro difficile. Gli scribi lavoravano a lungo, di solito in silenzio, e copiare lo stesso testo per tutto il giorno era noioso. Per questo motivo, spesso lasciavano commenti personali a marginecome ad esempio: "L'inchiostro è sottile", "Ho molto freddo" o, più poeticamente, "Come il porto è benvenuto al marinaio, così l'ultima riga è per lo scriba".

Forse ancora più scioccanti sono le piccole illustrazioni che compaiono ai margini dei manoscritti miniati medievali. Queste spesso includevano nudità o scene di natura sessuale, che erano molto in contrasto con il contenuto religioso della pagina! Un altro tema comune nei marginalia era l'illustrazione di animali, in particolare di animali che svolgevano attività umane come cuocere il pane o suonare strumenti. Gli studiosi ritengono che questi disegni fossero spesso una forma di parodia artistica.

Un'illuminazione manoscritta a tema animale che si trova spesso nei marginalia è la rappresentazione di un cavaliere che combatte contro una lumaca. Queste piccole illustrazioni si trovano in diversi manoscritti del XIII e XIV secolo, e ci sono diverse idee sul loro significato. Alcuni studiosi ritengono che le lumache rappresentino i Longobardi, un gruppo vilipeso in epoca medievale per il loro comportamento poco cavalleresco. Altri sostengono che le miniature simboleggino le lotte dei poveri contro un'aristocrazia oppressiva. Qualunque sia la ragione, sono dettagli come questi che rendono un manoscritto medievale così affascinante da studiare.

Cavaliere contro lumaca dal Salterio di Gorleston © British Library

Quali sono i manoscritti più famosi?

Esistono migliaia di manoscritti miniati ancora oggi, che possono essere ammirati in un'istituzione come un museo o una biblioteca. Tuttavia, alcuni manoscritti occupano un posto particolarmente importante nella storia. Ecco tre esempi:

Il Libro di Kells

Questo manoscritto del IX secolo è probabilmente uno dei più famosi al mondo. Contiene i quattro vangeli del Nuovo Testamento, ornati da diverse miniature, tra cui i nodi celtici tipici della contea di Meath, dove il libro fu conservato per secoli.

Oggi il Libro di Kells può essere ammirato a Trinty College di Dublino, che sono membri di READ-COOP. Solo alcune pagine del manoscritto sono esposte contemporaneamente e vengono ruotate frequentemente. Può essere consultato anche online sul sito Sito web del Trinity College.

L'arresto di Cristo nel Libro di Kells (Folio 114v) © Trinity College Dublin

I Vangeli di Lindisfarne

Scritto nell'VIII secolo, questo rinomato manoscritto miniato fu realizzato nel monastero isolano di Lindisfarne, nel nord dell'Inghilterra. Come il Libro di Kells, è una copia dei quattro vangeli ed è un esempio di arte manoscritta medievale. Per il libro sono stati prodotti oltre 90 colori, mentre l'oro è stato utilizzato solo in alcuni punti.

I Vangeli di Lindisfarne sono conservati presso la Biblioteca Britannica di Londra, che è anche un READ-COOP membro.

Una pagina dei Vangeli di Lindisfarne. © Biblioteca Britannica

Bestiario dell'Abbazia di Westminster

Nel Medioevo, i bestiari erano uno dei tipi più popolari di manoscritti miniati. Ufficialmente un'enciclopedia del regno animale, spesso includevano bestie fantastiche e creature reali, accompagnate da una spiegazione del significato cristiano dell'animale. Le miniature di questi manoscritti erano talvolta così famose da essere replicate in altri tipi di arte medievale, come sculture e arazzi.

Il Bestiario dell'Abbazia di Westminster è un ottimo esempio di bestiario. Si ritiene che sia stato prodotto a York alla fine del XIV secolo e conteneva 164 miniature di animali con descrizioni latine a fianco. Il bestiario è conservato dal Biblioteca dell'Abbazia di Westminster a Londra e può essere visitata su richiesta.

Una creatura fantastica del Bestiario dell'Abbazia di Westminster. © Abbazia di Westminster

Come si digitalizza un manoscritto miniato?

Grazie alla tecnologia di riconoscimento della scrittura come TranskribusLa digitalizzazione e la trascrizione dei manoscritti storici è sempre più facile. Molti musei e biblioteche hanno già scannerizzato le loro collezioni di manoscritti miniati e le hanno rese pubblicamente disponibili online, come ad esempio la Catalogo dei manoscritti miniati presso la British Library. Queste scansioni possono essere inserite in Transkribus per creare una trascrizione automatica del testo.

Tuttavia, i manoscritti miniati causano ancora qualche problema al software di riconoscimento della scrittura, soprattutto perché a volte il software ha difficoltà a distinguere tra il testo ornato e le illustrazioni. Ciò è particolarmente vero per le lettere maiuscole miniate, che sono un misto di testo e immagine.

Detto questo, la tecnologia è in continuo miglioramento. Il team di READ-COOP sta attualmente sviluppando un software di riconoscimento del layout migliorato, che sarà in grado di riconoscere le immagini in modo molto più accurato e dovrebbe rappresentare un grande vantaggio per i medievalisti che desiderano trascrivere questo tipo di manoscritti.

Inoltre, gli storici della comunità di Transkribus hanno lavorato duramente per produrre modelli pubblici adatti alla trascrizione di manoscritti medievali, compresi quelli miniati. Di seguito sono riportati alcuni modelli da provare:

  • Scritture librarie gotiche latine e tedesche - Questo modello è stato progettato per l'uso di scritture librarie del XIII-XV secolo ed è stato addestrato con una varietà di documenti diversi sia in latino che in tedesco.
  • Latino medievale 13°-15° secolo - Adatto anche a documenti del XIII-XV secolo, questo modello è stato addestrato specificamente per la trascrizione di documenti legali in latino medievale, comprese le abbreviazioni idiosincratiche e le sillabazioni casuali delle parole.
  • Antica calligrafia ceca (con spazi) - Questo nuovo modello è stato addestrato su due antichi manoscritti miniati cechi, rendendolo uno dei modelli più adatti per manoscritti di questo tipo.
  • Documenti di cancelleria francesi e latini - Addestrato come parte del Progetto HIMANISQuesto modello è stato concepito per i documenti di cancelleria medievali in francese e latino.
  • Scritture medievali M2.4 - I documenti del progetto HIMANIS sono stati utilizzati anche per addestrare questo modello più generale per i manoscritti medievali, insieme ai manoscritti di altri progetti simili. Il modello copre diverse lingue, tra cui olandese, francese, tedesco, latino e fiammingo.
  • Latino e olandese - Per i documenti legali medievali e i verbali in olandese, questo modello è ideale. È stato addestrato dal Istituto Huygens per la storia dei Paesi Bassi.

Per ulteriori informazioni su come utilizzare i modelli pubblici con Transkribus, consultare questo documento Guida all'uso.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Post recenti

31 gennaio 2024
News
Siamo lieti di annunciare gli ultimi aggiornamenti del nostro editor di documenti, con un'interfaccia più intuitiva e pulita. Il nostro ...
17 gennaio 2024
News, Transkribus
È necessario trascrivere o tradurre un testo scritto a mano per poter lavorare con esso? Beh, dipende da ...
11 gennaio 2024
News, Transkribus
Il processo di gestione e pubblicazione dei documenti storici non è mai stato così semplice! Creare un sito web che presenti il vostro materiale trascritto ...