Il futuro dell'estrazione delle informazioni - Partecipa al progetto TUC 2024! ✨ 15-16 febbraio, di persona e online. Ottieni il tuo biglietto >>

Che cos'è la citizen science?

Citizen science, community science, crowdsourcing science, monitoraggio volontario: comunque la si voglia chiamare, questo tipo di ricerca scientifica si basa sempre su un principio fondamentale: la raccolta dei dati non viene effettuata da scienziati professionisti, ma da membri del pubblico. Questi "cittadini scienziati" dedicano volentieri il loro tempo libero per aiutare a raccogliere e collazionare i dati per i progetti di ricerca, rendendo possibile l'elaborazione di una quantità di dati molto maggiore di quella che sarebbe normalmente possibile.

La piattaforma Transkribus ha partecipato a diversi progetti di citizen science di alto profilo, in cui i volontari hanno trascritto o corretto trascrizioni di vari tipi di documenti storici. In questo post, quindi, daremo un'occhiata più da vicino a cos'è la citizen science e a come potete impostare il vostro progetto di citizen science con Transkribus.

L'idea di base della citizen science

Come abbiamo detto nell'introduzione, un progetto di citizen science è un progetto in cui i volontari sono (almeno in parte) responsabili della raccolta dei dati. Si può trattare di qualsiasi cosa, da contare la fauna selvatica in giardino, alla scoperta dei pianeti in immagini dello spazio esterno, o misurare i livelli di fitoplancton durante la navigazione in mare. I dati raccolti vengono poi verificati e analizzati da scienziati professionisti.

Questi progetti spesso coinvolgono centinaia e talvolta migliaia di volontari, consentendo ai ricercatori di raccogliere una gamma di dati molto più ampia di quella che sarebbe possibile senza la partecipazione del pubblico. Un altro vantaggio dei progetti di citizen science è la loro economicità. I volontari di solito mettono a disposizione il loro tempo e le loro risorse gratuitamente, rendendo possibile la raccolta di molti dati a costi minimi.

Molti progetti di citizen science si basano sui campi della biologia e dell'ecologia. © EKATERINA BOLOVTSOVA
Molti progetti di citizen science si basano sui campi della biologia e dell'ecologia. © EKATERINA BOLOVTSOVA

L'importanza della tecnologia nella citizen science

La tecnologia ha rivoluzionato i progetti di citizen science. In precedenza, un citizen scientist doveva registrare tutto su carta e inviarlo, mentre ora può inserire i propri risultati in app o strumenti simili. Questo non solo riduce il dispendio di tempo per i volontari, ma consente anche ai ricercatori di ricevere dati da tutto il mondo in tempo reale e di effettuare l'analisi dei dati su base costante.

L'uso della tecnologia nei progetti di citizen science aiuta anche a costruire un senso di comunità. Permette ai cittadini scienziati che lavorano a un progetto di connettersi tra loro e di condividere le esperienze. Alcuni progetti di citizen science incorporano anche classifiche o altri elementi competitivi nelle loro app, in modo che i volontari possano confrontare le loro attività di raccolta dati con gli altri e vedere chi ha raccolto più dati, o chi li ha raccolti più velocemente, ecc. Questo senso di competizione spesso aiuta i cittadini-scienziati a rimanere impegnati nel progetto e a ottenere più dati per gli scienziati professionisti.

Qualità dei dati: la citizen science è affidabile?

Questa è di solito una delle prime domande che ci si pone riguardo alla citizen science. Se i volontari raccolgono dati senza alcuna supervisione (e spesso senza qualifiche o esperienza diretta nel lavoro scientifico), come possiamo essere sicuri che i dati raccolti siano affidabili?

In primo luogo, sono stati condotti diversi studi (come ad esempio questo, questo, e questo) che hanno dimostrato quantitativamente che i dati raccolti dai cittadini scienziati sono sufficientemente accurati da poter essere utilizzati nel processo scientifico. Questi studi sottolineano, tuttavia, che la progettazione del progetto è fondamentale per il suo successo. Ad esempio, i dati raccolti dovrebbero essere controllati da uno scienziato professionista o da molti altri cittadini scienziati. Ciò potrebbe comportare la revisione della stessa foto da parte di più volontari o la correzione della stessa trascrizione. Anche la formazione dei cittadini scienziati all'inizio del progetto è molto importante per generare dati accurati, soprattutto se i volontari non sono mai stati coinvolti in progetti di questo tipo.

La tecnologia come le app hanno rivoluzionato la citizen science. © Marek Levak
La tecnologia come le app hanno rivoluzionato la citizen science. © Marek Levak

Come viene utilizzata la citizen science nelle digital humanities?

Come avrete capito dai tipi di progetti citati in questo post, la citizen science è stata tradizionalmente utilizzata soprattutto nei campi della biologia e dell'ecologia. Ma molti degli studi più recenti si sono svolti nell'ambito delle digital humanities, ovvero lo studio delle tecnologie digitali e della loro implementazione nelle scienze umane. Molti progetti di digital humanities prevedono la creazione di versioni digitali di fonti cartacee, come libri, manoscritti e documenti.

Sono diversi i motivi che spingono la comunità scientifica a digitalizzare questo tipo di fonti. In primo luogo, è più facile trovare le informazioni rilevanti al loro interno. Molte fonti sono composte da centinaia o migliaia di pagine e trovare un paio di pagine rilevanti per la propria domanda di ricerca può richiedere molto tempo. Tuttavia, una versione digitale può essere ricercata per parole chiave in pochi secondi, risparmiando tempo prezioso per la ricerca.

Le versioni digitali possono anche essere arricchite molto più facilmente di quelle non digitali. I ricercatori possono etichettare determinate parole o frasi per fornire ulteriori informazioni sull'argomento o per evidenziare particolari informazioni all'interno della fonte. Questo non solo rende la versione digitale più interessante per i lettori, ma può anche favorire la collaborazione tra ricercatori. Ogni ricercatore può arricchire il testo con le proprie interpretazioni o conoscenze e, così facendo, condividerlo con altri ricercatori.

In che modo i citizen scientist possono contribuire alla digitalizzazione delle fonti?

I cittadini scienziati svolgono un ruolo fondamentale in questo processo di digitalizzazione, sia per la creazione di versioni digitali che per il loro arricchimento. La prima cosa da fare quando si digitalizza una fonte cartacea è trascriverla. A volte questa operazione viene eseguita manualmente da volontari esperti nella lingua e nella scrittura usata nel documento, che leggono il documento cartaceo e digitano le parole in un programma informatico.

Tuttavia, la trascrizione manuale richiede molto tempo, quindi sempre più progetti di citizen science stanno iniziando a velocizzare le cose con piattaforme di trascrizione come Transkribus. Transkribus utilizza l'intelligenza artificiale per creare trascrizioni automatiche di documenti scritti a mano, che i cittadini scienziati possono poi correggere. Un cittadino scienziato impiega molto meno tempo a correggere una trascrizione automatica che a creare una trascrizione manuale da zero. Per questo motivo, Transkribus consente ai cittadini scienziati di elaborare un numero di documenti molto maggiore di quello che sarebbe possibile fare manualmente.

I citizen scientist possono contribuire a creare versioni digitali di vecchi documenti. © Pixabay
I citizen scientist possono contribuire a creare versioni digitali di vecchi documenti. © Pixabay

Che tipo di progetti di citizen science esistono?

Transkribus è stato utilizzato in molti progetti di citizen science nel campo delle digital humanities. Ecco due buoni esempi.

Europeana Transcribathon

Lo strumento Progetto Europeana è un'iniziativa finanziata dall'Unione europea. Il suo scopo è quello di digitalizzare oggetti del patrimonio culturale provenienti da musei, archivi e biblioteche di tutta Europa e di creare una collezione online completamente accessibile. Molti di questi manufatti sono fonti manoscritte, che vengono trascritte da cittadini scienziati attraverso il sito web Piattaforma Transcribathon.

In precedenza, Transcribathon consentiva solo ai volontari di trascrivere manualmente i documenti. Ma nel 2021 Europeana e Transkribus hanno collaborato a una nuova versione della piattaforma, che avrebbe generato trascrizioni automatiche dei documenti. Queste potrebbero poi essere corrette dai cittadini scienziati che lavorano al progetto.

Ulteriori informazioni sulla collaborazione sono disponibili in questo post del blog.

RetroDigitalizzazione

Guidato dal Archivio della città di Aarhus in Danimarca, il RetroDigitaliserung Il progetto si concentra sulla digitalizzazione di fonti scritte in antica grafia gotica, che può essere molto difficile da leggere. Il progetto è una collaborazione tra molti piccoli archivi danesi, che altrimenti non avrebbero le risorse per organizzare da soli un progetto di questa portata.

RetroDigitaliserung forma cittadini scienziati, la maggior parte dei quali è già in età pensionabile, a trascrivere fonti utilizzando Transkribus. A tal fine, organizzano workshop in tutto il Paese e creano risorse online, insegnando ai volontari come utilizzare il software. Hanno anche lavorato con gli studenti di storia dell'Università di Aarhus. Man mano che i volontari completano le trascrizioni, queste vengono pubblicate sul sito web sito web del progettorendendoli accessibili a tutti.

Anette Larner del progetto RetroDigitaliserung ha recentemente fatto una splendida presentazione del progetto, che potete trovare qui di seguito. su YouTube.

L'interfaccia di trascrizione del progetto Europeana Transcribathon. © Europeana Transcribathon
L'interfaccia di trascrizione del progetto Europeana Transcribathon. © Europeana Transcribathon

Come posso creare il mio progetto di citizen science con Transkribus?

Transkribus è ideale per i progetti di citizen science nelle digital humanities. La piattaforma consente a molte persone diverse di lavorare sugli stessi documenti o collezioni, rendendo facile la combinazione con i metodi della citizen science.

Il primo passo è imparare a conoscere il funzionamento di Transkribus. Una buona conoscenza della piattaforma vi aiuterà a impostare il progetto nel modo più efficiente e a risolvere eventuali problemi dei volontari. Se non avete mai usato Transkribus prima d'ora, ci sono molte informazioni su guide pratiche sul nostro sito web, nonché tutorial video su YouTube.

Una volta acquisita una certa esperienza con Transkribus, è possibile avviare un progetto di citizen science. A tal fine, tutti i documenti da trascrivere devono essere caricati su Transkribus e organizzati in una raccolta. Questa raccolta può essere condivisa con i volontari. Ogni citizen scientist ha bisogno di un proprio account Transkribus, in modo da poter visualizzare la raccolta che è stata condivisa con lui.

I volontari possono quindi creare le proprie trascrizioni manuali dei documenti o correggere le trascrizioni automatiche create da Transkribus. Se state formando il vostro modello per il progetto, dovrete prima fornire un certo numero di trascrizioni manuali, note come "Verità di base" (per saperne di più sulle Verità di base e sul processo di formazione, consultate questo articolo). Guida alle istruzioni per l'uso). Questi possono anche essere trascritti da cittadini scienziati.

Se avete bisogno di addestrare i vostri citizen scientist a leggere un certo tipo di scrittura prima che inizino a lavorare sulle trascrizioni vere e proprie, possiamo anche consigliarvi il programma Transkribus Impara piattaforma. Transkribus Learn insegna a leggere molti stili di scrittura antichi attraverso una serie di quiz che diventano progressivamente più difficili con il passare del tempo. Potete anche aggiungere i vostri documenti alla piattaforma e formare i vostri volontari sulla grafia specifica utilizzata nel vostro progetto.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Post recenti

31 gennaio 2024
News
Siamo lieti di annunciare gli ultimi aggiornamenti del nostro editor di documenti, con un'interfaccia più intuitiva e pulita. Il nostro ...
17 gennaio 2024
News, Transkribus
È necessario trascrivere o tradurre un testo scritto a mano per poter lavorare con esso? Beh, dipende da ...
11 gennaio 2024
News, Transkribus
Il processo di gestione e pubblicazione dei documenti storici non è mai stato così semplice! Creare un sito web che presenti il vostro materiale trascritto ...