Intelligenza artificiale

OCR vs. HTR o "Cos'è veramente l'IA?".

Felix Dietrich
1 anno fa

Ad oggi, il cervello umano è probabilmente la struttura computazionale più complessa dell'universo conosciuto. Con fino a 1011 neuroni, contiene più cellule elettricamente eccitabili del cervello di una balena blu. E con fino a 1015 connessioni sinaptiche, surclassa ancora i più grandi modelli di apprendimento automatico in termini di parametri apprendibili. Ma i computer stanno recuperando ad un ritmo crescente. Nel 1997, la gente rimase scioccata nel vedere il campione mondiale di scacchi, Garry Kasparov, sconfitto dal supercomputer Deep Blue di IBM. Ma mentre molti credevano che battere gli umani a scacchi richiedesse una qualche forma di "vera" intelligenza, le persone capirono velocemente cosa fosse Deep Blue realmente: Un modo efficiente per cercare strutture di dati ad albero. Si è scoperto che tutto ciò che serviva per sconfiggere gli umani, era la capacità di guardare tutte le possibili mosse di entrambi i giocatori e poi scegliere la migliore. Mentre questo albero cresce esponenzialmente ad ogni mossa, non appena un computer può calcolare 12 o 14 mosse in anticipo in un lasso di tempo ragionevole, gli umani non possono più tenere il passo.

Partite storiche: Umani contro IA

Un gioco che è stato ampiamente considerato al di là delle capacità di qualsiasi computer ordinario è stato il gioco da tavolo Go. Mentre le regole possono sembrare molto più semplici di quelle degli scacchi, Go ha in realtà una complessità dell'albero di gioco che è più di duecento ordini di grandezza più grande. Di conseguenza, anche computer molto più potenti di Deep Blue non avevano alcuna possibilità di risolvere questo compito. Eppure, 19 anni dopo la fatidica partita di Kasparov, la gente è stata ancora una volta colta di sorpresa quando il computer AlphaGo di Google ha sconfitto il campione in carica di Go, Lee Sedol, nel 2016. Questo incredibile successo è arrivato sulla scia di una vera rivoluzione nel modo in cui vediamo e comprendiamo l'intelligenza artificiale. Un modo che assomiglia molto di più al funzionamento interno del cervello umano. Questa tecnologia ha permesso ai computer di raggiungere gli esseri umani in molte aree fino ad allora inimmaginabili - una di queste è il riconoscimento del testo basato sulle immagini. Il passo tecnologico tra il Riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) e il Riconoscimento del testo scritto a mano (HTR) risulta essere altrettanto profondo di quello tra Deep Blue e AlphaGo.

OCR (Optical Character Recognition)

Mentre non fa praticamente alcuna differenza per l'occhio umano, il testo scritto a macchina come quello a destra è completamente illeggibile per un computer. La ragione è che non è fatto di caratteri, ma di pixel in un'immagine. D'altra parte, trasformare i caratteri in pixel è un compito banale. Tutto ciò di cui ha bisogno è una mappatura di ogni carattere a un insieme di pixel che lo rappresentano in un font specificato. Questo va bene per tutte le applicazioni in cui un umano vuole semplicemente leggere il testo, come visualizzarlo su uno schermo o stamparlo su un foglio di carta. Ma ci sono anche applicazioni in cui si vorrebbe convertire un'immagine in un vero e proprio testo digitalizzato. Questo non solo rende più facile l'archiviazione, ma permette anche di modificare rapidamente le sezioni o anche di cercare le parole. Il problema è che trasformare i pixel in caratteri non è più un processo esatto e diretto. Ci sono una miriade di tecniche di compressione delle immagini che possono produrre ogni sorta di effetti sfavorevoli a livello di pixel. Oltre a ciò, le persone vorrebbero anche digitalizzare documenti scannerizzati o persino fotografati, il che potrebbe introdurre spostamenti o sporcizia e sbavature. Alla fine, il meglio che possiamo fare è un'approssimazione.

Fortunatamente, queste approssimazioni non richiedono molta potenza di calcolo e nemmeno algoritmi sofisticati. L'abbinamento di modelli utilizzando matrici come quella a sinistra ha portato a un riconoscimento dei caratteri estremamente buono già negli anni '70. Mentre questo banale pattern matching richiede una certa libertà statistica nell'interpretazione dei caratteri, ci sono anche algoritmi più matematicamente rigorosi. Per esempio, si potrebbe provare a prendere tutte le linee e gli anelli chiusi e trasformarli in un grafico. Il problema può quindi essere riformulato come identificazione di sottografi isomorfi. Mentre i moderni algoritmi OCR non hanno ancora raggiunto una precisione perfetta, sono semplici, veloci e abbastanza accurati per la maggior parte dei caratteri da essere utili in una vasta gamma di dispositivi - dagli scanner laser palmari in tempo reale agli smartphone fino alle fotocopiatrici.

HTR (Handwritten Text Recognition)

Mentre il problema dell'OCR per il testo automatico è stato effettivamente risolto, nella maggior parte delle applicazioni, per molto tempo la scrittura a mano umana mostra una gamma quasi infinita di caratteri e stili. Riconoscerli correttamente va ben oltre i classici algoritmi di pattern matching, ed è per questo che il riconoscimento del testo scritto a mano rimane all'avanguardia della scienza. Al giorno d'oggi, ogni pochi mesi un gruppo di ricerca o un'azienda mostra un nuovo algoritmo migliorato. Ma non è sempre stato così. All'inizio del XXI secolo, questo compito era ancora considerato praticamente impossibile. I migliori gruppi di ricerca del mondo non riuscivano a trovare qualcosa di lontanamente utile. Quindi cosa è cambiato? La risposta breve è: reti neurali artificiali (ANNs). La stessa tecnologia che ha permesso ai computer di sconfiggere il campione del mondo di Go ha ora permesso di affrontare la scrittura umana. Questo approccio differisce fondamentalmente dagli algoritmi classici nel senso che il modello di riconoscimento non è più programmato a mano, ma appreso automaticamente da un insieme di esempi. L'architettura alla base delle ANNs esiste da molto tempo, ma solo i miglioramenti nel calcolo parallelizzato, nelle strutture di rete e negli algoritmi di addestramento - e, in particolare, la disponibilità di dati di addestramento - hanno permesso loro di diventare effettivamente utili al di fuori degli esercizi accademici. 

Uno dei tipi di rete più utilizzati oggi per il riconoscimento delle immagini è la cosiddetta rete neurale convoluzionale o convnet.

Struttura esemplare di una rete convoluzionale

I dettagli di queste reti variano significativamente, ma la struttura fondamentale è sempre la stessa. Il processo inizia prendendo i pixel di un'immagine come input e poi vengono estratte le caratteristiche applicando sequenzialmente alcuni filtri. Questi filtri sono essenzialmente maschere che vengono passate sull'immagine per vedere se qualcosa vi si adatta. Nel classico pattern matching, gli esseri umani dovrebbero predeterminare il modo in cui questi filtri appaiono, ma in una convnet iniziano in modo casuale e poi vengono raffinati durante il processo di addestramento. L'insieme finale di caratteristiche viene poi alimentato in una rete densamente connessa, che è dove il vero potere di predizione universale di questo algoritmo deriva. Esiste persino una prova matematica (cosa piuttosto rara nel campo delle ANN) che afferma che una tale rete può imparare ad approssimare qualsiasi funzione ragionevolmente ben comportata con precisione arbitraria, purché la rete sia sufficientemente grande. Sfortunatamente, però, la dimostrazione non dice nulla su quanto grande debba effettivamente essere, quindi questo di solito deve essere determinato per tentativi ed errori. Tornando alla convnet, questo strato è poi collegato ad una sequenza di uscite, che potrebbero essere davvero qualsiasi cosa. Per l'HTR, si vorrebbe idealmente avere caratteri o anche parole in questo strato finale. Durante l'addestramento, una serie di immagini di riferimento con contenuti noti viene alimentata nella rete e poi il suo output viene confrontato con i valori reali. Sulla base della differenza tra la previsione del modello e la verità, i parametri all'interno della rete vengono aggiornati iterativamente. Quando l'addestramento è completo, nuove immagini possono essere riconosciute guardando l'uscita che mostra l'attivazione più forte. Con la giusta struttura della rete e l'impostazione dell'addestramento, si può anche ottenere qualcosa come una distribuzione di probabilità nello strato di uscita. 

Curva di apprendimento del modello pubblico di IA Tedesco Kurrent M2

Naturalmente, questo non è esattamente così banale come potrebbe sembrare. Per modelli ampiamente applicabili si ha solitamente bisogno di enormi quantità di dati di addestramento e di risorse di calcolo, e anche in questo caso ci sono molte insidie. Gli sviluppatori di software e i produttori di hardware hanno lavorato in tandem negli ultimi anni, fornendo potenti chip che sono fatti apposta per i calcoli tipici dell'IA, e framework software molto versatili da usare. In READ-COOP, stiamo costantemente espandendo le nostre capacità hardware per fare uso degli ultimi sviluppi tecnologici e teniamo sempre d'occhio i nuovi algoritmi emergenti per migliorare la nostra piattaforma.

Condividi questo articolo:

Inizia ad usare Transkribus

Rendi accessibili i tuoi documenti storici