Come trascrivere documenti con Transkribus - Introduzione

Come trascrivere documenti con Transkribus - Introduzione

Panoramica di base
Transkribus Expert Client
Ultimo aggiornamento 4 settimane fa
Informazioni su Transkribus

Transkribus è una soluzione completa per la digitalizzazione, il riconoscimento del testo tramite IA, la trascrizione e la ricerca di documenti storici. Scopri di più su Transkribus qui

Transkribus è una soluzione completa per la digitalizzazione, il riconoscimento del testo tramite IA, la trascrizione e la ricerca di documenti storici. Scopri di più su Transkribus qui

Sommario

Sommario

Questa guida spiega come trascrivere documenti con Transkribus

  • Per l'addestramento della tecnologia di riconoscimento del testo scritto a mano
  • Per le edizioni accademiche

Se desideri consultare una panoramica più generale, dai un'occhiata alla nostra Guida in 10 passi.

Transkribus è una piattaforma per il riconoscimento automatico, la trascrizione e la ricerca di documenti storici utilizzando la tecnologia Handwritten Text Recognition (HTR+).

Le trascrizioni generate con Transkribus possono essere:

  • Utilizzato per addestrare una rete neurale ("modello") in grado di riconoscere automaticamente i documenti stampati o scritti a mano
  • Arricchito e taggato per fungere da base alle edizioni digitali dei documenti.

Questa introduzione ti permette di creare rapidamente dei dati di addestramento per il riconoscimento automatico dei tuoi documenti specifici o di creare una trascrizione per un'edizione scientifica.

Se hai già a disposizione dei documenti trascritti e vuoi usarli come dati di allenamento per HTR, consulta la nostra guida Come usare le trascrizioni esistenti .

Introduzione

Questa guida spiega il processo di trascrizione dei documenti in Transkribus.

Queste trascrizioni possono essere utilizzate:

  • Come dati di addestramento per un modello di riconoscimento del testo scritto a mano (HTR+) che è in grado di trascrivere automaticamente i tuoi documenti.
  • Come base per un' edizione digitale accademica.

C'è un semplice processo in tre fasi per trascrivere un documento in Transkribus:

Passo 1: Caricamento

  • Carica i tuoi documenti sulla piattaforma Transkribus

Passo 2: Segmentazione

  • Esegui lo strumento di segmentazione automatica per creare baselines per il tuo documento.

Passo 3: Trascrizione

  • Trascrivi il testo nelle linee segmentate.

Questa forma di trascrizione semplice è sufficiente per addestrare la tecnologia HTR. Nota: HTR può lavorare sia su documenti scritti a mano che stampati. L'efficienza di un modello dipenderà dalla qualità del materiale di addestramento (la tua trascrizione manuale), dalla qualità delle immagini e da quanto è ordinata o disordinata la scrittura.

Ci sono anche opzioni avanzate di trascrizione per coloro che lavorano su edizioni accademiche. È possibile regolare l'ordine di lettura del testo, utilizzare caratteri storici, aggiungere tag e metadati, espandere le abbreviazioni e altro ancora.

Carica i documenti su Transkribus

  • Per poter eseguire gli strumenti necessari sui tuoi documenti, questi devono risiedere sul server di Transkribus. Questo significa che c'è bisogno di caricare i file su Transkribus.
    • Nota: Tutte le collezioni e i documenti in Transkribus sono privati. Solo gli utenti da te autorizzati possono vedere i tuoi documenti. Non sono resi disponibili al pubblico.
  • Per caricarli clicca sul pulsante "Import Documents" nel menu principale.

Figura 1.Caricare i file nella tua collezione personale

Figura 2 Seleziona "Upload single document" per documenti fino a 500 MB

  • Hai quattro opzioni per caricare i documenti:
    • Caricare un singolo documento da una cartella locale:
      • Questa opzione permette di caricare documenti fino a 500 MB
      • Per scegliere questa opzione scegli "Upload single document".
      • Fai in modo che i file da caricare risiedano in una cartella extra. Quando scegli i file per il caricamento non sarai in grado di vedere i file nella cartella. Questo è normale in questo caso. Basta selezionare la cartella e confermare con "OK".
    • Caricare via FTP
      • Questa opzione è adatta se vuoi caricare diversi documenti di grandi dimensioni
      • Puoi caricare file di immagini, così come documenti PDF con questa opzione
      • Assicurati che i file PDF non siano all'interno di una cartella quando usi l'FTP-upload
    • Caricare tramite URL di DFG Viewer METS
      • Questa opzione ti permette di caricare documenti direttamente dai repository che supportano il DFG (Deutsche Forschungsgemeinschaft - Fondi scientifici tedeschi) Viewer
    • Estrarre e caricare immagini da PDF
      • Questa opzione è adatta alle immagini che vuoi caricare e che si trovano in un documento PDF.
      • Se questi documenti PDF sono di grandi dimensioni, si prega di utilizzare l'FTP-upload.
      • Inoltre, se hai immagini JP2000 nei tuoi PDF, ha senso scegliere l'opzione FTP.

 

  • Aggiungere pagine a un documento già esistente in Transkribus:
    • Carica il documento a cui vuoi aggiungere pagine in Transkribus
    • Apri il document manager
    • Seleziona nuovamente il documento cliccando sul suo nome nella finestra "Document Manager".
    • Clicca sull'icona del cerchio verde accanto a "Add new page(s)".
    • Cerca e aggiungi le nuove pagine attraverso la directory
  • Elimina i documenti dalla tua collezione:
    • Seleziona il documento nella panoramica delle collection nella scheda "Server"
    • Clicca sull'icona della cartella con il piccolo cerchio rosso "Delete the selected documents from Transkribus".
    • Il documento o i documenti cancellati resteranno nel cestino (icona "contains deleted documents") per due settimane. Se hai cancellato un documento per errore puoi contattarci (info@readcoop.eu) e saremo in grado di riattivare il documento entro queste due settimane. Dopodiché il documento sarà cancellato definitivamente.

Segmentazione - Analisi del layout

  • Una volta che hai caricato i tuoi documenti su Transkribus, sei pronto per iniziare la segmentazione.
  • Per trascrivere i documenti in Transkribus, devono essere segmentati in regioni di testo, linee e linee di base.
  • Affinché l'HTR funzioni, il testo e l'immagine devono essere collegati.
  • Tutti gli elementi segmentati, come spazio di stampa, regione di testo, regione di linea o linea di base sono memorizzati nel file PAGE con le loro coordinate.

Visualizzazione dei profili

  • I profili di visualizzazione sono disponibili per aiutarti nei compiti di segmentazione e trascrizione.
  • È possibile selezionare tra la visualizzazione dei profili per "Segmentazione" e "Trascrizione"cliccando sul pulsante "Profiles" nel menu principale.
  • Il profilo "Segmentazione" significa che le linee di base sono visualizzate in rosso, rendendo più facile individuare eventuali errori derivanti dal processo di segmentazione automatica.
  • Il profilo "Trascrizione" significa che il campo Editor di testo sarà visualizzato, permettendoti di trascrivere il tuo documento.
  • Naturalmente si può semplicemente usare il profilo "predefinito" per eseguire entrambi i compiti.

Figura 3 Visualizzazione dei profili per i compiti di segmentazione e trascrizione

Rileva automaticamente regioni di testo, linee e linee di base

  • Seleziona il profilo di visualizzazione "Segmentazione" dal menu principale.
  • Seleziona la scheda "Strumenti" sul lato sinistro dello schermo e vai alla sezione "Analisi del layout".
  • Sotto "Metodo:" seleziona "CITlab Advanced" (già preselezionato).
  • Seleziona se vuoi eseguire l'analisi del layout solo per la pagina corrente, per pagine singole o per l'intero documento.
  • Assicurati che sia selezionato "Find text regions".
  • Fai clic sul pulsante "Esegui".

Figura 4 Eseguire la segmentazione automatica nella scheda "Strumenti"

  • Se vuoi disegnare le regioni di testo a mano e poi cercare le linee di base in queste regioni, deseleziona l'opzione "Find text regions" prima di iniziare l'analisi del layout. Come disegnare le regioni di testo viene spiegato più avanti.

Correggere i risultati della segmentazione automatica

  • NotaSe si sta addestrando un modello HTR, la posizione delle regioni di testo non ha bisogno di essere completamente esatta e l'ordine di lettura del testo non è rilevante.
  • Se stai lavorando a un'edizione accademica in cui è richiesto un grado di precisione maggiore, è possibile correggere manualmente il testo come negli esempi qui sotto.
  • Tutti gli strumenti per le correzioni sull'analisi del layout si trovano nel menu "Canvas" a sinistra dell'immagine. Puoi controllare la loro funzionalità passando il mouse sull'icona.

Una linea è stata dimenticata o aggiunta per errore

Figura 5 Aggiungere una linea a una regione di testo esistente

  • Nell'esempio qui sopra la prima riga è stata saltata dal programma. Se vuoi aggiungerla alla regione di testo esistente:
    • Clicca all'interno della regione in modo che sia evidenziata.
    • Trascina il bordo della regione di testo adattandola.

Una nota marginale deve essere divisa in una regione di testo separata

Figura 6 Dividere una regione di testo

  • Se hai bisogno di dividere una regione in due, puoi farlo con i pulsanti nel menu Canvas.
  • Come mostrato nella Figura 6, il "pulsante H" divide una regione di testo orizzontalmente.
  • Il pulsante "V" divide verticalmente una regione di testo.
  • Il "pulsante L" permette di dividere una regione di testo con una linea personalizzabile.

Rimuovere una regione che non è necessaria

Figura 7 Rimuovi regione

    • Nell'esempio qui sopra due regioni si sovrappongono, quindi una può essere cancellata.
    • Clicca sulla regione di testo che vuoi cancellare e clicca sul pulsante rosso "Remove a shape".

Unire due regioni

  • A volte il programma crea due regioni di testo dove solo una è necessaria. In questo caso potete facilmente unire le due.
    • Tieni premuto il tasto "CTRL" sulla tua tastiera e clicca su entrambe le regioni di testo.
    • Fai clic sul pulsante "Merges the selected shapes" nel menu Canvas.

Figura 8 Unisci due regioni di testo

Linee di base corrette

  • Naturalmente è anche possibile correggere le linee di base nel tuo documento.
  • Come per le regioni di testo, clicca su una linea di base e trascina le parti della linea, dividi una linea in due o unisci due linee.
  • Puoi anche cancellare una linea di base e disegnarne una nuova da zero. Clicca il pulsante "+BL" nel menu canvas. Clicca una volta per iniziare a disegnare la linea di base e fai doppio clic per finire la linea.
  • Nota: le baselines sono le più importanti per l'HTR; le regioni di linea non hanno bisogno di essere corrette.

Trascrizione semplice - per l' HTR e l'addestramento

  • Seleziona il profilo di visualizzazione "Trascrizione" dal menu principale.
  • Vedrai il campo dell'editor di testo sotto l'immagine: Per ogni linea/linea base nell'immagine troverai una linea corrispondente nell'editor di testo. L'immagine e il testo sono collegati in questo modo.

Figura 9 Trascrivi il tuo documento

  • Trascrivi il testo secondo la lingua del tuo documento di origine. Usa i caratteri della tua tastiera.
  • Possono lavorare su un documento più di una persona, ma non si dovrebbe lavorare sulla stessa pagina contemporaneamente. Puoi permettere agli altri utenti di Transkribus di vedere i tuoi documenti cliccando sul pulsante "User Manager" nella scheda "Server".

Addestrare un modello HTR

  • Se vuoi addestrare un modello HTR per riconoscere i tuoi documenti, questa semplice trascrizione è sufficiente.
  • Raccomandiamo di iniziare il processo di addestramento con tra le 5.000 e le 15.000 parole (circa 25-75 pagine) di materiale trascritto. Se stai lavorando con un testo stampato piuttosto che scritto a mano, di solito è necessaria una quantità minore di dati di addestramento.
  • Anche utilizzando un modello base si può ridurre il materiale di addestramento richiesto. Come modello di base puoi usare uno dei modelli pubblicamente disponibili in Transkribus (assicurati che la scrittura sia almeno simile a quella dei tuoi documenti [ad esempio di una data simile, la stessa lingua e/o stile]) o uno dei tuoi modelli precedentemente addestrati - purché sia abbastanza buono da servire come modello di base.

Trascrizione avanzata - per un'edizione accademica

Ordine di lettura

  • Una volta che un documento è stato segmentato in regioni di testo, linee e linee di base, potrebbe essere necessario pensare all'ordine di lettura del testo (questo non è rilevante se la trascrizione deve servire solo come materiale di addestramento).
  • Molti documenti scritti a mano includono correzioni e aggiunte dell'autore o di qualcun altro.
  • In un'edizione accademica si vuole mantenere l'ordine di lettura e forse anche esprimere il fatto che questo testo è stato un'aggiunta.
  • A questo scopo tutti gli elementi di segmentazione possono essere ordinati secondo un ordine definito dall'utente.
  • L'ordine di lettura predefinito segue la topologia del testo o delle regioni di linea. Tutte le forme sono ordinate secondo le coordinate dell'angolo superiore sinistro di una regione di testo o di linea.

Figura 10 Ordine di lettura delle regioni di testo - i numeri possono essere riordinati

  • Questo ordine di lettura meccanica può essere cambiato:
    • Clicca sul pulsante "Item visibility" nel menu principale, e scegli di mostrare l'ordine di lettura di regioni di testo, linee, linee di base (o parole).

Figura 11 Il pulsante "Item visibility" visualizza l'ordine logico degli elementi di segmentazione

    • Una volta che hai scelto di mostrare l'ordine di lettura delle regioni di testo o delle linee, i numeri saranno visualizzati sull'immagine del tuo documento.
    • Cliccando su uno dei numeri che segnano l'ordine di lettura, è possibile digitare un nuovo numero e cambiare l'ordine di lettura di conseguenza. Lo stesso può essere fatto spostando gli elementi di segmentazione nella scheda "Layout".

Figura 12 Modifica l'ordine di lettura cliccando sulla cifra e inserendo un nuovo numero

  • Nei casi in cui l'ordine di lettura di una pagina è completamente errato, è possibile riordinare il testo
    • Rendere visibile l'ordine di lettura delle linee come descritto sopra
    • Clicca sulla scheda "Layout" sul lato sinistro dello schermo
    • Seleziona la pagina o la regione di testo che vuoi riordinare
    • Fai clic sul pulsante "R".
    • L'ordine di lettura sarà riordinato secondo le coordinate dell'angolo superiore sinistro di una regione di testo o di linea. Dopo di che, le linee dovrebbero essere nell'ordine giusto.
    • Ci possono essere problemi con l'ordine di lettura delle colonne dei giornali e documenti simili. Per esempio, il programma assegna un ordine di lettura basato sulla disposizione orizzontale delle linee su una pagina, piuttosto che mettere le linee in ordine per colonna. Per risolvere questo problema, usa il pulsante "V" nel menu Canvas per dividere la regione di testo sulla pagina in regioni separate per ogni colonna. Una volta che c'è una regione di testo separata per ogni colonna, l'ordine di lettura dovrebbe aggiornarsi automaticamente ed essere corretto.

Figura 13 Impostare l'ordine di lettura secondo le coordinate

Ordine di lettura: Aggiunte interlineari

  • Le aggiunte di interlinea sono un modo frequente in cui il testo viene aggiunto a un documento.
  • Per generare il corretto ordine di lettura, i seguenti passi devono essere eseguiti manualmente:
    • Fare clic sul pulsante "Visibilità dell'elemento" nel menu principale
    • Seleziona "Mostra l'ordine di lettura delle linee".

Figura 14 Fai clic sul pulsante "Shape Visibility", quindi scegli di mostrare le linee di base e l'ordine di lettura delle linee.

    • Seleziona la linea di base sotto l'aggiunta (se l'aggiunta è sopra la linea).
    • Dividere la regione della linea con il pulsante "V" nel menu Canvas esattamente dove l'aggiunta dovrebbe essere logicamente posizionata

Figura 15 Applicare il pulsante "V" per dividere la regione della linea

  • Modifica l'ordine di lettura in modo che sia corretto. Clicca sul numero associato ad ogni regione di linea e poi digita quello corretto.

Figura 16 Aggiungere l'ordine di lettura corretto: 4 (=prima parte della linea)
diventa 3, 3 (=aggiunta interlineare) diventa 4 e 5 (seconda parte della linea) rimane come 5.

Figura 17 Ordine di lettura corretto dopo la modifica manuale

Ordine di lettura: Aggiunte come note extra

  • Aggiunte che appaiono come note extra (per esempio ai margini di una pagina) dovrebbero essere gestite in modo simile alle aggiunte interlinea.
    • Nota: Spesso queste note extra (o marginalia) non fanno parte dell'ordine di lettura ma sono "commenti" e come tali sono su un livello diverso dall'ordine di lettura primario.
    • Sarà quindi sufficiente marcarli come "marginalia" nella scheda Metadata. Le istruzioni sulla marcatura del testo si trovano nella sezione Come arricchire i documenti trascritti con mark-up .
  • Ma se la nota extra è davvero un'aggiunta al testo corrente e deve essere aggiunta nell'ordine di lettura, allora può essere fatto nei seguenti modi:
    • Opzione 1: La regione di testo può essere ampliata in modo che tutte le linee di base dell'aggiunta facciano anche parte della rispettiva regione di testo.
      • Nota: puoi usare sia regioni di testo piuttosto grandi oppure regioni di testo poligonali. A questo scopo seleziona il pulsante "Add point to selected shape" dal menu Canvas.

Figura 18 Add point to selected page (Aggiungi un punto alla forma selezionata)

      • Seguendo il movimento del tuo puntatore del mouse, puoi aggiungere punti alla regione di testo originale ed espandere la forma in modo che includa anche l'aggiunta.
      • In seguito, le lines/baselines aggiuntive possono essere rinumerate secondo il loro corretto ordine di lettura.
    • Opzione 2: Puoi generare una sola grande regione di testo per tutta la pagina e fare la segmentazione delle lines/baselines manualmente nell'ordine corretto. In questo modo otterrai l'ordine di lettura corretto fin dall'inizio.
      • Nota: questa può essere l'opzione migliore se hai a che fare con un documento che ha un layout sofisticato con molte aggiunte, note e cancellazioni.
    • Opzione 3: Puoi collegare la regione di testo extra che contiene l'aggiunta alla linea a cui appartiene l'aggiunta. Per farlo, seleziona entrambe le regioni di testo e poi clicca sul pulsante "Link two shapes" nella scheda "Structural", all'interno della scheda "Metadata".
      • Nota: il collegamento sarà parte del file XML ma non è attualmente supportato nei formati di esportazione.

Figura 19 Link two shapes

Trascrizione e tastiere virtuali

Figura 20 Tastiera virtuale

  • Una trascrizione che servirà da base per un'edizione accademica, dovrebbe contenere più dati espliciti per l'utente e offrire più dati contestuali che una semplice trascrizione. In questo caso non solo leggibilità della macchina (cioè i dati di addestramento per il motore HTR) ma anche la leggibilità umana del testo avrà un ruolo importante.
  • Si possono aggiungere caratteri speciali e simboli Unicode usando il tasto "Virtual Keyboards"nel campo dell'editor di testo.
  • Con il pulsante "Edit..." è possibile aggiungere scorciatoie per i caratteri usati frequentemente e aggiungere nuovi caratteri Unicode.
  • Per creare una scorciatoia, basta scriverla nella colonna "Shortcut".
  • Per aggiungere nuovi caratteri Unicode, si usa il pulsante "+" verde.
  • Nell'editor di testo puoi usare "Backspace" per spostare il testo di una riga verso l'alto e "Ctrl" + "Return" per spostare il testo di una riga verso il basso.

Figura 21 Aggiungere caratteri Unicode e scorciatoie

Segni diacritici e legature

  • La trascrizione corretta dei diacritici e delle legature richiede una certa esperienza. Ci sono due opzioni principali per gestire la corretta trascrizione di questi caratteri:
  • Opzione 1: Leggera normalizzazione secondo il dizionario
    • La regola principale da applicare qui è la seguente: Finché si può vedere chiaramente il carattere base di un glifo e finché il carattere base è anche quello usato nel dizionario per esprimere questo glifo, attenersi al carattere base.
    • Esempio 1: La LETTERA MINUSCOLA LATINA Y apparirà in molti documenti con un segno diacritico supplementare, che indica la storia di questo carattere proveniente da ii o ij. Perciò si trovano due punti o qualcosa di simile sopra la "y".

Figura 22 Scrittura tedesca Kurrent: "bey". Nota: y è scritto come LETTERA LATINA MINUSCOLA Y poiché il carattere base è ancora chiaramente visibile

    • Nelle trascrizioni semplici lo trascriverete come LETTERA LATINA MINUSCOLA Y poiché il carattere di base è chiaramente visibile.
    • Esempio 2: La LETTERA LATINA MINUSCOLA S è espressa con due grafemi nella maggior parte delle scritture storiche europee. Troviamo quindi una chiara distinzione tra la LETTERA LATINA MINUSCOLA S e la LETTERA LATINA MINUSCOLA S lunga.

Figura 23 "Thatbestand." vs. "Revisionsgerichts": LETTERA LATINA MINUSCOLA S lunga vs. LETTERA LATINA MINUSCOLA S

    • Ma anche se c'è una chiara distinzione, una semplice trascrizione userebbe la LETTERA LATINA MINUSCOLA S in entrambi i casi.
  • Opzione 2: Paleografica Trascrizione
    • I filologi o paleografi non sono solo interessati alla trascrizione corretta, ma anche all'aspetto storico e allo sviluppo dei grafemi. Quindi potrebbe anche essere interessante trascrivere gli esempi di cui sopra con il pieno supporto del set di caratteri Unicode o anche utilizzando l'area privata di Unicode.

Figura 24 Trascrizione paleografica: Thatbeſtand vs. Kammergerichts

    • Nota: Tenete conto che questa è un' importante decisione e influenzerà l'usabilità del testo in molti modi. Se si decide di optare per una trascrizione paleografica, questo comporterà molto più lavoro che con una trascrizione leggermente normalizzata.
  • Nota: In testi stampati (che possono anche essere trascritti in Transkribus) la trascrizione di legature può avere importanza. Anche in questo caso si può applicare la stessa regola: Sebbene specifiche combinazioni di lettere, come "ft", siano espresse con un grafema specifico dove due grafemi sono abbinati insieme, e sebbene tali legature possano anche essere espresse con specifiche lettere Unicode, si raccomanda di trascriverle secondo il dizionario.

Segni di punteggiatura

  • I segni di punteggiatura sono trascritti allo stesso modo dei caratteri. Usa il carattere appropriato sulla tua tastiera e non normalizzare o aggiungere segni di punteggiatura. I tipici segni di punteggiatura sono:
    • caratteri moderni come punto, virgola, punto e virgola, due punti: ".", ",", ";":"
    • caratteri storici come virgule (slash), o riempitivi di linee, ecc.
    • Nota: i due punti nei testi storici sono spesso usati per contrassegnare parole abbreviate. Questi dovrebbero essere trascritti come due punti.
  • In contrasto con molte regole di trascrizione in cui i segni di punteggiatura sono aggiunti e omessi secondo una comprensione moderna, noi raccomandiamo di mantenere i segni di punteggiatura originali.
  • Se vuoi aggiungere segni di punteggiatura che non appaiono nel documento originale puoi usare il tag "supplied" nella scheda "Tagging", all'interno della scheda "Metadata" per indicare che il segno di punteggiatura è stato aggiunto da te.

Lavorare in gruppo: aggiungere altri utenti alla tua collezione

In Transkribus è anche possibile lavorare su collezioni e documenti insieme ad altri utenti di Transkribus. Puoi aggiungere qualcun altro alla tua collezione tramite il "User Manager" che si trova nella "Server Tab". Per prima cosa dovrai cercare l'altro utente tramite l'email o il nome in basso a destra, poi selezionare la riga in alto a destra, poi scegliere "Aggiungi utente" in basso a sinistra e infine aggiungere le autorizzazioni, che vengono con il ruolo dell'utente. Nella schermata qui sotto puoi controllare i diritti di ogni ruolo utente:

Figura 25 Ruoli utente

Riferimenti

Per avere una panoramica sulle scritture di Unicode: http://www.unicode.org/charts/

Per le trascrizioni storiche sono interessanti le seguenti estensioni:

Latino esteso-B: http://www.unicode.org/charts/PDF/U0180.pdf

  • Contiene ad esempio:
    • Latino non europeo e storico
    • Lettere fonetiche e storiche
    • Aggiunte per sloveno e croato
    • ecc.

Latino esteso-C: http://www.unicode.org/charts/PDF/U2C60.pdf

  • Contiene ad esempio:
    • Aggiunte latine ortografiche
    • ecc.

Latino esteso-D: http://www.unicode.org/charts/PDF/UA720.pdf

  • Contiene ad esempio:
    • Aggiunte medievali
    • Lettere insulari e celtiche
    • Lettere epigrafiche romane antiche
    • ecc.

MUFI (Medieval Unicode Font Initiative)

Credits

Vorremmo ringraziare i molti utenti che con il loro feedback hanno contribuito a migliorare il software Transkribus.