Storia di successo
Pubblicato: 4 mesi fa

Alla scoperta della vita segreta di Karl Benedikt Hase con il vincitore dello START Grant William Barton

Se siete ricercatori in Austria, avrete forse sentito parlare del prestigioso Sovvenzione START. Gestita dal Fondo austriaco per la scienza (FWF), la borsa di studio viene assegnata ogni anno a una manciata di ricercatori post-dottorato che portano avanti progetti innovativi nel loro campo. Nel 2022, uno di questi ricercatori è stato William Barton, un filologo classico che attualmente lavora presso l'Università di Parigi. Istituto Ludwig Boltzmann per gli Studi Neo-Latini a Innsbruck. William realizzerà il progetto presso l'Istituto per la ricerca dell'Università di Innsbruck. Filologia classica e studi neolatini.

William utilizzerà il finanziamento per trascrivere, tradurre e studiare il diario segreto di Karl Benedikt Hase: un vivace e piuttosto famigerato professore di filologia greca del XIX secolo. Creando una versione digitale del diario con Transkribus, William e il suo team sperano di scoprire nuove informazioni sulla vita di Hase e di altri filelleni all'inizio del 1800. Abbiamo incontrato William per saperne di più su questo progetto pluripremiato e per conoscere la sua esperienza con Transkribus.

Karl Benedikt Hase è stato una figura chiave della scena filellenica parigina

La scena filellenica dell'Ottocento

La cultura greca antica ha raggiunto il suo apice oltre 2000 anni fa, ma da allora ha sempre affascinato le persone. Dalla scienza all'arte all'architettura, le idee dell'Antica Grecia hanno sempre avuto una grande influenza sull'Europa moderna, soprattutto all'inizio del XIX secolo.

"All'inizio del 1800 la Grecia era all'attenzione di tutti", spiega William. "Stava avvenendo la rivoluzione greca e con essa si diffuse un rinnovato fascino per il Paese e la sua storia, un movimento noto come 'filellenismo', o 'amore per la cultura greca'". 

Uno dei filelleni più importanti dell'epoca fu Karl Benedikt Hase. Nato in Germania, Hase era un professore di greco che trascorse gran parte della sua vita e della sua carriera a Parigi, in Francia. Hase era famoso per la sua conoscenza della lingua e della cultura greca e per essere al centro del movimento filellenico di Parigi. Ma era famigerato per un'altra cosa: la falsificazione di manoscritti greci. In un noto esempio, uno statista russo scrisse a Hase chiedendo documenti storici greci sulla Crimea, che Hase non possedeva. "Così ha semplicemente prodotto qualcosa che pensava potesse interessare al russo", ha spiegato William. "E accettò volentieri anche i soldi per questo".

Un estratto del diario di Hase, conservato presso l'Archivio di Stato. Archivio Goethe e Schiller, Weimar

La ricerca del diario di Hase

Ricercatori come William sapevano da tempo che Hase teneva un diario segreto. "Negli anni Settanta i ricercatori bizantini erano affascinati dal tema di Hase e dei suoi falsi. Sapevano che aveva un diario, ma non riuscivano a trovarlo", ha spiegato William. "Così ho pensato di dare a me stesso la possibilità di trovarlo". 

Fortunatamente per William, i ricercatori avevano lasciato una buona traccia di indizi. "Avevano descritto i luoghi in cui avevano già cercato ed era diventato chiaro che il diario si trovava probabilmente in uno dei tre luoghi: Parigi, Lione o nella zona di Weimar/Jena, in Germania". William si mise a spulciare gli indici degli archivi di tutte e tre le città, per vedere se c'era qualcosa che corrispondesse alla descrizione del diario di Hase. "A Weimar, c'era un documento elencato come 'quaderni in greco di Hase'. Così sono andato all'archivio per controllare e si trattava proprio del diario segreto di Hase". Uno dei più grandi misteri del filellenismo del XIX secolo era appena stato risolto.

"Transkribus è un enorme vantaggio per noi".

Perché questa svolta? "Possiamo imparare molto dal diario di Hase", spiega William. "Possiamo saperne di più sulla vasta rete filellenica di Parigi e su ciò che Hase pensava degli altri filelleni che conosceva. Inoltre, il diario dovrebbe parlarci della vita privata di Hase e dei suoi famosi falsi".

Ma prima di poter fare qualsiasi scoperta, il diario greco antico di Hase deve essere trascritto e digitalizzato, un'impresa non da poco. "Il diario è un documento scritto a mano ed è enorme. In totale, ci sono circa 2.500 pagine da trascrivere, tutte scritte nella mano greca fortemente abbreviata di Hase". Vivendo e lavorando a Innsbruck, William conosceva Transkribus e sapeva quali vantaggi il software avrebbe potuto apportare al progetto. "La capacità unica di Transkribus di essere addestrato per questo tipo di lavoro manoscritto molto complesso è un enorme vantaggio per noi".

"Il nostro primo modello si basava su appena 10 pagine e il software era già in grado di effettuare trascrizioni sensate. Ora, dopo 70 pagine, ci sta riuscendo davvero. Non sto più lì a digitare ogni parola, ma faccio passare il testo attraverso Transkribus, lo modifico e lo imposto come nuova verità di base. Ha persino imparato a trascrivere tutti i diacritici - l'insieme di accenti e marcatori linguistici del greco antico - il che è molto più veloce che digitarli manualmente".

Pubblicazione dei manoscritti online

Un altro grande vantaggio per William e il suo team è la funzione di tagging. "La possibilità di etichettare determinate informazioni all'interno di Transkribus, come una persona o un luogo, è davvero utile. Per esempio, una delle cose che vogliamo fare è incrociare le persone citate da Hase nel diario con altre fonti storiche dell'epoca. Se tutti i nomi del diario sono etichettati, possiamo semplicemente cercare un nome particolare e vedere immediatamente tutte le voci del diario che menzionano quella persona. E questo ci fa risparmiare molto tempo".

Il passo finale del progetto sarà quello di pubblicare il diario online utilizzando il sito web Leggere e cercare in modo che le persone di tutto il mondo possano accedere al diario di Hase. Questo tipo di collaborazione non può che giovare a un progetto di questa portata. "Sono un esperto di greco antico e dei suoi usi moderni", ha spiegato William. "Il mio contributo principale a questo progetto è stato quello di leggere e trascrivere il testo e di proporre alcuni studi preliminari. Ma pubblicare tutto online significa che gli esperti di altri settori possono trarre vantaggio dal lavoro che ho svolto e fare un ulteriore passo avanti nella ricerca. O almeno questa è la mia speranza!".

Il consiglio di William per il Transkribus:

Quando si addestra un modello in Transkribus, è necessario preparare una serie di testi di verità di base. Normalmente, questo comporta la trascrizione manuale di alcuni testi scritti a mano. Tuttavia, abbiamo risparmiato tempo trovando manoscritti originali di Hase che erano stati successivamente pubblicati, ottenendo una versione scritta a mano e una versione stampata (molto accurata) dello stesso testo. In questo modo abbiamo potuto alimentare Transkribus con una quantità di verità di base molto sicura fin dall'inizio, risparmiando tempo e fatica. 

William Barton lavora presso l'Istituto Ludwig Boltzmann per gli studi neolatini di Innsbruck © Istituto Ludwig Boltzmann
Panoramica