Storia di successo
Pubblicato: 4 mesi fa

"Non dobbiamo vergognarci di usare gli strumenti digitali per semplificarci la vita": Henning Schuler

Vi presentiamo Henning Schuler. Henning è uno storico specializzato in storia intellettuale e sociale moderna e ha appena completato il suo dottorato di ricerca presso il European University Institute a Firenze. 

Quando Henning ha pensato di utilizzare Transkribus per la sua tesi di laurea, alcuni colleghi storici erano scettici. Come avrebbe potuto un software leggere i testi come una persona? Ma lui decise di provare Transkribus e ora, a distanza di qualche anno, è molto contento di averlo fatto.

Dopo aver ricevuto una borsa di studio Transkribusabbiamo parlato con Henning per saperne di più e scoprire come Transkribus riesca a semplificare la vita degli storici.

La sfida della trascrizione di documenti scritti a mano

Il XVIII secolo fu un'epoca di cambiamenti. Le reti commerciali mondiali stavano crescendo rapidamente e un numero sempre maggiore di mercanti europei si recava in luoghi nuovi ed esotici per acquistare e vendere prodotti. È su questi mercanti che Henning Schuler ha deciso di fare una ricerca per la sua tesi di dottorato. "Nella mia tesi ho studiato i mercanti inglesi e francesi che vivevano ad Aleppo alla fine del XVIII secolo. Volevo gettare nuova luce sul modo in cui gli europei concepivano se stessi e il mondo in apparente espansione che abitavano nel XVIII secolo", spiega Henning. "E per fortuna per il mio progetto avevo a disposizione molte fonti manoscritte".

Ma se da un lato avere un corpus ampio è positivo in termini di qualità della ricerca, dall'altro presenta alcuni problemi logistici. "Avevo così tante fonti diverse che era del tutto impossibile trascriverne una quantità significativa da solo". Henning ha quindi deciso di verificare se esistessero soluzioni software in grado di accelerare il processo.

Esempio di materiale in inglese su cui lavorava Henning

Prime impressioni su Transkribus

Ben presto si è imbattuto in Transkribus. "Ho iniziato a usare Transkribus per curiosità, per vedere se funzionava, se era valido e se realmente poteva essere utile", ha detto Henning. La sua prima impressione non è stata eccessivamente positiva. "Inizialmente ho trovato il motore di trascrizione insoddisfacente per le mie fonti". Ma poi ha scoperto i vantaggi dell'addestramento del proprio modello di intelligenza artificiale. "Transkribus offre la funzione di addestramento di un modello specifico per le proprie fonti. Una volta fatto questo, l'accuratezza era migliorata di molto e ho finito per usarlo per la maggior parte delle mie fonti".

Naturalmente, ci sono cose che Transkribus non riesce a fare. "Come storico, non considero mai una trascrizione come un'alternativa alla lettura delle fonti originali. Una trascrizione non mostra le condizioni del testo, le modifiche, gli errori commessi dallo scrittore, ecc. Ma come strumento aggiuntivo, Transkribus è stato fantastico. Mi ha permesso di cercare rapidamente qualcosa che avevo dimenticato, di fare una rapida analisi della frequenza delle parole o di copiare una lunga citazione invece di trascriverla a mano".

"In alcuni casi, quando avevo difficoltà a leggere una parola, Transkribus mi ha persino aiutato a trovare la lettura corretta. Come mi ha detto un amico che lavora nel campo del riconoscimento delle immagini: spesso le cose difficili per gli esseri umani sono facili per i computer, e viceversa".

Esempio di francese, che Henning studia

Perché Transkribus è utile agli storici

Henning ora ha completato con successo la sua tesi di laurea e sta cercando di pubblicare i suoi risultati. Ma nonostante il successo ottenuto con Transkribus, ha riscontrato molto scetticismo da parte dei suoi colleghi. "Devo dire che sono rimasto sorpreso dall'incredulità che ho riscontrato in molti altri storici. Quando ne ho parlato con i colleghi, non credevano che un computer potesse leggere facilmente testi per cui loro stessi impiegano molto tempo per decifrarli".

"Ma incoraggerei tutti gli storici, soprattutto se hanno difficoltà di trascrizione, a usare Transkribus. Dopo tutto, non ci dovrebbe essere alcuna esitazione o vergogna nell'usare strumenti digitali per rendere più facile la nostra vita di storici".

Il suggerimento di Henning su Transkribus:

Transkribus richiede un po' di tempo per abituarsi. Tuttavia, per le fonti manoscritte di grandi dimensioni, vale la pena dedicare del tempo alla preparazione delle fonti e all'addestramento del proprio modello di intelligenza artificiale. Questo mi ha aiutato a sfruttare al meglio il software.

Henning Schuler
Panoramica