Come organizzare un workshop Transkribus di successo: Jan Odstrčilík

"Vorrei organizzare un workshop Transkribus ma non so da dove cominciare. Potreste darmi qualche consiglio?". Questa è una domanda comune che riceviamo a READ-COOP. Imparare a digitalizzare i documenti storici può essere una sfida per gli studenti, i colleghi e i volontari dei progetti di citizen science, e un workshop è un ottimo modo per aiutarli a familiarizzare con il processo.

Ma organizzare un workshop è più facile a dirsi che a farsi. Quali sono gli argomenti da trattare? Che formato deve avere il workshop? Quanto deve essere interattivo?

Per rispondere a queste domande, abbiamo incontrato il ricercatore Jan Odstrčilík dell'Istituto di Studi Medievali presso l'Università di Parigi. Accademia Austriaca delle Scienze. Nel semestre invernale del 2022, Jan ha riunito un gruppo di colleghi provenienti da tutta Europa e dagli Stati Uniti per organizzare la prima HTR Winter School dell'istituto. Questo workshop di più giorni è stato progettato per fornire agli studenti tutte le competenze necessarie per la digitalizzazione di documenti storici, utilizzando sia Transkribus che altri strumenti HTR.

In questo post, Jan condivide la sua ricetta per l'organizzazione di un workshop Transkribus di successo e alcuni consigli fondamentali per organizzare un evento simile.

La grande idea

Come molte grandi idee, l'ispirazione di organizzare una HTR Winter School è nata dalla collaborazione. Jan stava già lavorando con Helmut Reimitz di Università di Princeton su un modello per le sceneggiature medievali, quando i due si sono imbattuti in Tim Geelhaar della Università di Bielefeldche stava creando un modello per la minuscola carolingia con risultati piuttosto buoni. 

"Abbiamo iniziato a discutere e a collaborare. Abbiamo notato sfide interessanti e diverse per il minuscolo carolingio e il latino tardo medievale e ci siamo resi conto di quanto potesse essere utile organizzare un qualche tipo di corso". Così è nata l'idea della scuola invernale. 

Il team è stato poi affiancato da esperti Tobias Hodel dal Università di Berna. Erano presenti anche co-organizzatori del Università di Vienna e l' Accademia ceca delle scienze a Praga, rendendo possibile la creazione di un laboratorio con quattro diversi punti di interesse: minuscolo carolingio, latino tardo medievale, tedesco medievale e ceco medievale (cfr. l'elenco di tutti gli organizzatoriSebbene il workshop sia stato concepito per gli studenti di dottorato, il team ha deciso di aprirlo a chiunque volesse imparare a riconoscere i testi scritti a mano dei manoscritti medievali. 

I partecipanti alla HTR Winter School provenivano da molti paesi e discipline. © Jan Odstrčilík

Scelta del formato

Il passo successivo è stato quello di decidere la durata dell'evento. "La maggior parte dei workshop che ho sperimentato sono strettamente limitati a un paio d'ore e quindi consentono solo una breve introduzione", ha spiegato Jan. "Noi volevamo offrire un'esperienza completa: un mix in cui i partecipanti potessero non solo imparare le basi di Transkribus, ma anche lavorare su manoscritti specifici, ispezionarli, discuterli, trascriverli, formare modelli e poi - alla fine - rendere pubblici i risultati". 

"Ma questo richiede tempo, quindi abbiamo deciso di organizzare quattro incontri virtuali ogni due o tre settimane, che abbiamo concluso con un workshop a Vienna. In questo modo i partecipanti hanno avuto il tempo sufficiente per assorbire tutte le nuove informazioni e per trascrivere le pagine necessarie per la formazione tra un incontro e l'altro".

Il team ha deciso di trattare una serie di argomenti diversi durante il workshop, per fornire ai partecipanti una conoscenza completa dell'HTR nel suo complesso. "Gli incontri virtuali si sono concentrati sul riconoscimento del testo scritto a mano, includendo sia la teoria che gli aspetti tecnici. A questi abbiamo fatto seguire le nozioni di base del programma Transkribus, che sono state gradualmente approfondite con nuove informazioni (layout avanzato, tag, formazione dei modelli, ecc.) in ogni incontro virtuale successivo."

La scelta di utilizzare Transkribus come piattaforma HTR principale per il workshop è stata motivata da diverse ragioni. "In primo luogo, Transkribus è attualmente la piattaforma più accessibile per i ricercatori indipendenti e i piccoli gruppi di lavoro: chiunque può utilizzarla indipendentemente dalle prestazioni del proprio computer e senza bisogno di alcun server. Inoltre, la comunità di utenti che ruota attorno a Transkribus è molto attiva e solidale, il che, dal nostro punto di vista, è stato un fattore importante." 

Una sessione della Winter School in pieno svolgimento. © Jan Odstrčilík

Imparare facendo

Fin dall'inizio è stato chiaro che la HTR Winter School doveva essere il più interattiva possibile. Il team voleva dare agli studenti la possibilità di lavorare sui manoscritti esattamente come farebbero in un ambiente di ricerca reale. 

"Volevamo dare agli studenti un obiettivo comune: ognuno dei quattro gruppi ha lavorato su manoscritti selezionati e ha dovuto decidere collettivamente la metodologia migliore per la preparazione dei modelli. Abbiamo riservato una parte di ogni incontro virtuale al lavoro di gruppo. Poi, durante il workshop di persona a Vienna, i partecipanti hanno imparato a utilizzare Editore TEI per visualizzare le edizioni e hanno pubblicato le Verità fondamentali utilizzando Zenodo e HTR United."

Nonostante l'attenzione alla tecnologia digitale, per il team è stato importante che i partecipanti abbiano trascorso del tempo con manoscritti originali in forma fisica. "Anche se ci siamo occupati principalmente di strumenti informatici, il mondo materiale è ancora insostituibile. Per questo abbiamo visitato la Biblioteca nazionale austriaca in modo che i partecipanti potessero vedere i manoscritti con cui avevano lavorato fino ad allora solo in forma digitale. C'è ancora qualcosa di magico e di profondamente coinvolgente nel poter guardare e toccare questi oggetti. Si poteva osservare l'immensa eccitazione del gruppo".

Visione dei manoscritti alla Biblioteca Nazionale Austriaca. © Jan Odstrčilík

Il risultato finale

Ma naturalmente la domanda principale è: com'è andata? Secondo gli studenti, molto bene. "In base al nostro sondaggio dopo il workshop, i partecipanti hanno apprezzato il formato ibrido, le diverse squadre e la composizione variegata dei partecipanti. Hanno anche apprezzato il collegamento tra teoria e pratica e la possibilità di vedere i manoscritti di persona".

Il formato ibrido, che mescola sessioni virtuali e workshop in presenza, è stato molto apprezzato anche dal team organizzativo. "Questo tipo di formato è impegnativo ma gratificante. Sia i partecipanti che noi organizzatori abbiamo imparato molto".

Per Jan, tuttavia, uno dei momenti più importanti è stato proprio alla fine del corso, quando i diversi gruppi hanno presentato i risultati del loro lavoro durante la scuola invernale. "Ogni gruppo ha scelto un approccio leggermente diverso ed è stato bello vedere i risultati ottenuti da tutti".

"La nostra esperienza del workshop di Vienna è riassunta dal video realizzato da uno dei nostri partecipanti, Giuseppe Paternicò".

© Giuseppe Paternico

I consigli di Jan per organizzare il proprio workshop Transkribus

Nonostante il successo dell'evento, Jan e il suo team avrebbero fatto qualcosa di diverso la prossima volta. "Anche se il programma prevedeva molto tempo, siamo rimasti a corto di tempo. Questo è stato particolarmente evidente nel workshop di persona, in cui volevamo che gli studenti imparassero a pubblicare le loro trascrizioni e le loro Ground Truths. Ci siamo riusciti grazie a Tobias Hodel, che si è occupato di questa parte, ma è stato un po' frettoloso. Queste cose richiedono molto tempo e quindi è necessario riservare abbastanza tempo per quest'ultima fase".

Jan ha anche un ultimo consiglio per chiunque organizzi un workshop con molti strumenti digitali. "È stato fantastico e necessario avere una persona dedicata (nel nostro caso, Leon Pürstinger) che si occupasse di tutto il materiale digitale, come Zoom e le registrazioni".

Grazie, Jan, per averci parlato e complimenti per il successo dell'evento!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Post recenti

14 maggio 2024
Uncategorized
La comprensione dei documenti storici è fondamentale per capire la storia. Ma capire i documenti storici in polacco può essere una sfida. Non solo ...
2 maggio 2024
News, Transkribus, Uncategorized
Se siete nuovi a Transkribus, probabilmente avete molte domande sulla piattaforma. Come faccio a trascrivere i documenti? Che cos'è ...
25 aprile 2024
News, Transkribus
A gennaio abbiamo annunciato i nostri nuovi piani di abbonamento: Individuale, Studente e Organizzazione. Ciascun piano è adattato a un particolare ...