+ Girovagando per la Napoli barocca - Il progetto Pandetta de ilCartastorie.

di Sergio Riolo, il Cartastorie 

L'archivio storico di The Banco di Napoli è uno dei più importanti archivi del mondo. Conserva la documentazione appartenente alle otto antiche banche napoletane, che furono operative tra il 1539 e il 1640, e che poi furono fuse per creare la Banco delle Due Sicilie (1809) e, dopo l'unificazione politica dell'Italia, il Banco di Napoli (1861). Il Fondazione Banco di Napoli e la sua fondazione-museo ilCartastorie sono i custodi di questo immenso tesoro che riempie trecento stanze di Palazzo Ricca, al centro della città di Napoli. Tutta questa documentazione presenta una grafia notevolmente omogenea dovuta alle scuole di scrittura esistenti in ogni banca nel corso dei secoli.

IlCartastorie, per conservare il suo archivio e renderlo più visibile attraverso i nuovi media, ha iniziato un programma di digitalizzazione utilizzando il Transkribus piattaforma, attraverso la quale tutti i nomi dei clienti delle banche, dal 1573 al 1600 per ogni banca esistente in quel momento saranno resi più accessibili e ricercabili.

L'intero archivio, dal 1539 al 1900, contiene più di tremila registri di clienti, chiamati 'pandette'che contiene un totale stimato di diciassette milioni di nomi. Si tratta di un database sorprendentemente ben organizzato e conservato di persone e organizzazioni che è molto importante per studiosi, ricercatori, genealogisti e cittadini.

La Fondazione e il suo museo hanno iniziato il loro percorso verso l'orizzonte della digitalizzazione di massa e dell'Handwritten Text Recognition (HTR), scegliendo un segmento specifico nella linea temporale lunga quattro secoli di questa documentazione, dal punto di partenza della prima banca all'alba del XVII secolo, per un totale di duecentoquarantamila nomi suddivisi in sessantatre unità archivistiche.

Un team di sei persone si occupa ora di Transkribus per questo progetto di accessibilità dei dati. Abbiamo già fatto una prima prova, addestrando un modello HTR basato su diecimila parole, compresi nomi, cognomi e numeri di conto. Questo primo modello 'beta' ha prodotto un risultato soddisfacente di 13% di tasso di errore dei caratteri (CER) in un mese, e ora ci sta aiutando ad affrontare gli altri pandetteaccelerando la velocità della trascrizione e quindi riducendo il tempo necessario per completare il lavoro.

Il primo pandetta dal Banco di Ave Gratia Plenacon i suoi tremila nomi, è stato terminato la settimana scorsa e il secondo sta procedendo bene. Speriamo di completare tutti e quattro i libri mastri dei clienti scritti con questa grafia e, poi, procedere con un secondo modello per trattare il resto di Ave Gratia PlenaI libri mastri risalenti al 1600 prima della fine di gennaio 2019.

Una seconda fase del progetto collegherà i nomi nella "pandetta" con i preziosi motivi di pagamento scritti su un altro tipo di documenti. La nostra speranza è che possiate scoprire gli affari quotidiani e la vita economica di migliaia di cittadini nella Napoli barocca.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Messaggi recenti

20 giugno 2022
Transkribus
Di Joe Nockels, Università di Edimburgo Nell'ambito della sua ricerca di dottorato presso l'Università di Edimburgo e la National Library ...
15 giugno 2022
Transkribus, Webinar
Siamo entusiasti di lanciare la nostra nuova serie di webinar "Ask Us Anything", in cui i partecipanti possono chiederci qualsiasi cosa ...
Giugno 9, 2022
Uncategorized
La nuova funzione di condivisione potrebbe essere un piccolo pulsante per una schermata, ma è una grande funzione per ...